Cultura & Società Esteri

Stati Uniti: la legalizzazione della cannabis aiuta gli americani? L'analisi di Liberty Vittert, Visiting Assistant Professor in Statistics, Washington University in St Louis

La legalizzazione della marijuana è stata un argomento di contesa e confusione per entrambe le parti del dibattito. Il governo federale lo ritiene ancora illegale. Ma la marijuana è stata legalizzata per uso ricreativo in 10 Stati e nel distretto di Columbia, e altri 21 legalizzano ampiamente la marijuana medica.

I ricercatori come me hanno finalmente alcuni dati per valutare le affermazioni fatte da entrambe le parti. Diamo uno sguardo più da vicino a tre principali argomenti sulla legalizzazione della marijuana – e su come le statistiche si accumulano contro di loro.

Uno dei maggiori argomenti pro-legalizzazione era che gli stati sarebbero stati in grado di introdurre una nuova fonte di entrate fiscali. Il Colorado, per esempio, impone un’accisa del 15% dal coltivatore al rivenditore e un’ulteriore imposta sul fatturato del 15% sul cliente finale.

Nel 2018, le vendite di prodotti legali in Colorado hanno raggiunto 1,2 miliardi di dollari, con lo Stato che ha incassato circa 270 milioni di dollari di tasse. Confrontalo con i circa 45 milioni di dollari che lo stato ha raccolto in tasse sull’alcol quello stesso anno.

Uno studio della Georgia State University ha rilevato che le vendite di alcolici sono diminuite del 15% negli stati in cui solo la marijuana medica era stata legalizzata e del 20% nelle contee dove la marijuana ricreativa è venduta legalmente. Tuttavia, gli stati hanno fatto più che abbastanza indietro dalle vendite di marijuana, dal momento che le tasse sulla marijuana sono generalmente maggiori delle tasse sull’alcol.

Altri Stati stanno raccogliendo anche i benefici delle tasse sulla marijuana. La California ha raccolto 345 milioni di dollari nel 2018 e Washington 376 milioni di dollari. New Frontier Data, un sito web di dati sulla cannabis, prevede che il mercato della cannabis legalizzato crescerà fino a 25 miliardi di dollari entro il 2025.

Tuttavia, ci sono un sacco di domande su quanto gli stati di entrate fiscali effettivamente guadagneranno, soprattutto considerando che alcuni Stati hanno perso le loro proiezioni da un colpo lungo.

Ad esempio, il governatore della California ha previsto entrate molto più alte di 643 milioni di dollari. Nel frattempo, le proiezioni per Washington suggerivano che lo stato avrebbe guadagnato solo 160 milioni di dollari.

Mentre le proiezioni per altri tipi di beni sono in genere più affidabili, questo è un mercato completamente nuovo e quindi soggetto a errori. Perché? Bene, la giuria è ancora fuori. Alcuni ricercatori e esperti hanno intuito che in California le tasse sono troppo alte, che il mercato nero è troppo forte o che la burocrazia burocratica è semplicemente troppo.

Indipendentemente da ciò, è chiaro che le entrate fiscali della marijuana sono aumentate di anno in anno per ogni stato che ha legalizzato la marijuana ricreativa. Mentre i critici stanno diffidando delle mancate proiezioni della California, Colorado, mentre lotta per soddisfare le sue proiezioni nei primi tre anni dopo la legalizzazione, alla fine ha superato la sua proiezione.

Un argomento ben argomentato contro la legalizzazione è che potrebbe portare i giovani a usarlo di più. Ad esempio, il gruppo anti-droga DARE ha incolpato la marijuana per l’aumento delle sospensioni scolastiche e del suicidio giovanile, tra le altre cose.

Ecco il problema: i ricercatori semplicemente non hanno ancora abbastanza datiGli studi hanno dimostrato che l’uso di marijuana giovanile diminuisce effettivamente negli stati in cui la marijuana medica è stata legalizzata. I ricercatori ritengono che ciò potrebbe essere dovuto ai bambini che considerano la marijuana come medicinale anziché ricreativa.

Mentre altri studi hanno suggerito che legalizzare la marijuana può portare ad un maggiore uso, questo potrebbe semplicemente segnalare errori. In altre parole, se è legalizzato, le persone sono più disposte ad essere oneste sull’uso.

Altri studi mostrano piuttosto il contrario. Ad esempio, gli adolescenti del Colorado hanno avuto un calo statisticamente significativo dell’uso di marijuana negli ultimi tre anni dalla legalizzazione ricreativa.

Mentre ci sono forti indicatori che la legalizzazione della marijuana ricreativa porta ad un uso ridotto in gioventù, solo il tempo darà il verdetto finale. Molti di coloro che sono contrari alla marijuana legale affermano che potrebbe portare a un aumento dei crimini violenti. Anche in Colorado, lo scorso anno, il governatore Hickenlooper ha parlato del divieto di marijuana, dal momento che il crimine in Colorado è in aumento dal 2014, lo stesso anno in cui la marijuana è stata legalizzata.

Non c’è dubbio che gli stati che consentono la marijuana medica non mostrano assolutamente alcun aumento delle loro statistiche sulla criminalità violenta e non violenta. In realtà, il crimine potrebbe effettivamente diminuire.

Tuttavia, il crimine è aumentato in molte delle città in cui la marijuana ricreativa è legale. Gli omicidi di Seattle, D.C. e Denver – tutte le principali città con marijuana legale – sono aumentati negli ultimi anni. Ma gli omicidi sono aumentati anche nelle città senza marijuana ricreativa, come Chicago, St. Louis, Baltimora, New Orleans e Kansas City.

Un aumento di omicidi in soli quattro anni nelle città in cui la marijuana è legalizzata non rivela assolutamente nulla. Questo è un caso classico per il detto statistico ‘la correlazione non significa necessariamente causalità’. Prendiamo la California, per esempio. Gli omicidi a Oakland sono crollati, ma gli omicidi a Fresno sono finiti. Come può essere una colpa della marijuana ricreativa?

Tuttavia, la marijuana legalizzata sembra avere un effetto sul sistema giudiziario. Secondo i dati del crimine dell’FBI, nel 2017 ci sono stati 659000 arresti di marijuana negli Stati Uniti. Vi sono stati anche 1,2 milioni di crimini violenti con le vittime, ma solo 518.617 arresti per questi stessi crimini violenti. Ciò significa che ci sono più di 700.000 vittime che hanno sofferto senza giustizia.

Negli Stati con la marijuana ricreativa legalizzata, la polizia ora non dedica più tempo agli arresti di marijuana e può dedicare più tempo a risolvere questi tipi di crimine. I dati dell’FBI del Colorado e di Washington mostrano che i tassi di liquidazione del crimine – il numero di volte in cui la polizia ha risolto un crimine – sono aumentati sia per i reati violenti che contro la proprietà dopo la legalizzazione.

Mentre ci sono ancora molte incognite che circondano la legalizzazione della marijuana ricreativa, credo che ciò dimostri che sarà un’influenza positiva.

 

Traduzione e sintesi dell’articolo ‘Does legalizing marijuana help or harm Americans? Weighing the statistical evidence’ di Liberty Vittert, Visiting Assistant Professor in Statistics, Washington University in St Louis

Stati Uniti: la legalizzazione della cannabis aiuta gli americani? L'analisi di Liberty Vittert, Visiting Assistant Professor in Statistics, Washington University in St Louis">