Activity

Murgia Roots: ecco chi siamo 'Diario dal Campo' ... in diretta da Gravina di Puglia

La canapa sta vivendo un vero e proprio boom in Italia: negli ultimi tre anni si è assistito ad un aumento del 200% dei terreni coltivati. Secondo i dati di Coldiretti, in Italia, nel 2017 si contavano circa 3mila ettari di terreno coltivati a canapa e 286 canapai e grow shop.
Una crescita imponente se si considera che si è passati dai 400 ettari coltivati a canapa nel 2013 ai quasi 4.000 stimati per il 2018. Per questo si è iniziato a parlare di ‘new canapa economy’.
Un esempio del trend è l’azienda agricola Murgia Roots che “nasce nel 2017 con lo scopo di riabilitare la coltivazione della canapa, ormai dimenticata e messa da parte” (@Murgiaroots).

Per la creazione dell’azienda Roots si sono unite diverse realtà, accomunate da un’unica passione: “valorizzare i molteplici utilizzi della canapa“. È un’azienda giovane formata da gente giovane che ha tanta voglia di fare e mettersi alla prova, senza tralasciare la competenza degli agricoltori venuti prima di noi.

L’idea dell’azienda prende forma nella città di Barcellona, dove le persone che hanno ideato “Roots” si sono concentrate su questo progetto. L’azienda ha sede a Gravina in Puglia, perché vorremmo dare la giusta visibilità al nostro territorio, servendoci anche della creazione di eventi e facendo conoscere le eccellenze alimentari e non del territorio pugliese.

‘Grazie Canapa’

“La canapa spunta dalla terra timida e gracile, presentandosi con due foglioline aperte, somiglianti. Ha due ali. Pronte per volare in alto, sorrette dalle sue radici che sprofondano sotto terra, alla ricerca di sostanze per agevolare la crescita con agile rapidità.
Dopo alcuni giorni si presenta con la voglia di crescere e crescere in fretta. Ogni qualvolta la si va a trovare per ammirarla ti stupisce; è alta come una bambina, con le foglie laterali allo stelo aperte a tre punte.
Nell’arco di circa trenta giorni la vedi già una signorina, mostrandosi elegante, alta, snella con le sue foglie palmari a cinque punte, ondeggiando al vento, orgogliosa di sè.
È l’inizio del tuo innamoramento che provi su questa pianta. Ripromettendoti che spesso andrai a trovarla. Ritornando ti fermi e rifletti, ma come è possibile, ora è più alta di me, grande ed orgogliosa. È meravigliosa.
Il cuore ti gonfia di orgoglio ed andando via dal campo pensi già come si trasformerà alla prossima visita.
Ti innamorai di lei per la sua generosità e per tutto quello che dona di se stessa.
Grazie canapa.”

di Domenico Bernardini

Murgia Roots: ecco chi siamo 'Diario dal Campo' ... in diretta da Gravina di Puglia">