Politica Esteri

La nuova frontiera dell’edilizia biocompatibile: il cemento ottenuto con fibre di canapa Rassegna stampa della canapa nelle testate estere dal 31 Agosto al 4 Settembre 2020

Il cemento da canapa affonda le sue radici nel passato ma è anche la nuova frontiera dell’edilizia moderna, eco-compatibile e poco impattante sull’Ambiente. Da decenni è utilizzato negli Stati Uniti ed oggi opzione spesso considerata come utile nella nuova tipologia di edilizia contemporanea. In Europa spesso si utilizza il Cemento da canapa per costruire muri di tamponamento isolanti per muri non portanti, già fin dagli Anni ’90. Negli Stati Uniti si riflette sul ruolo sempre più cruciale della Food and Drug Administration nel velocizzare i processi decisionali in merito alla legalizzazione della cannabis. In Polonia, nello Zoo di Varsavia si usano estratti di cannabis per quietare i comportamenti degli animali in cattività, soprattutto elefanti e rinoceronti

 

Stati Uniti

Cemento da canapa: come l’edilizia sostenibile può cambiare il mondo

Il cemento da canapa è stato utilizzato da decenni come opzioni sostenibili negli Stati Uniti, in ogni caso, molti pionieri delcemento da canapa sono ancor oggi in complessa navigazione nei codici della costruzione ed altre complesse legislazioni di settore.

I progetti edilizi europei hanno fatto affidamento sul cemento da canapa per costruire muri di tamponamento isolanti e non portanti sin dagli anni ’90. In effetti, la popolarità del costruire con il cemento da canapa cresce di anno in anno in Francia ma, negli Stati Uniti, un costruttore deve acquisire un permesso speciale per lavorare con tali materiali.

A Bellingham, Washington, un proprietario di una casa ha intrapreso un progetto utilizzando cemento ottenuto con canapa ed ha valutato i pro e i contro della costruzione di una casa con tale tipo di cemento. Pamela Bosch sta ristrutturando la sua casa degli anni ’60 utilizzando cemento da canapa e ha chiamato il progetto Highland Hemp House. Ha attribuito curiosità verso un professionista del Dipartimento di Pianificazione e Permessi e verso una città interessata alla sostenibilità per la facilità di ottenere i permessi adeguati e specifici per l’edilizia. Infatti, poiché il design della Highland Hemp House era efficiente dal punto di vista energetico, i permessi di Bosch sono stati accelerati.

Tuttavia, il processo non era ancora semplice. Trovare avvocati, costruttori e altri appaltatori ausiliari necessari per lavorare su un progetto di cemento da canapa ha portato a costi imprevisti, in gran parte dovuti a una mancanza di comprensione. I costruttori non sanno come lavorarci, gli assicuratori non sanno quantificarlo, gli istituti di credito non possono stimarlo: l’elenco potrebbe continuare all’infinito. L’ignoranza e la scarsa familiarità col cemento da canapa hanno portato al disinteresse per i progetti di costruzione americani. Ha anche reso le cose più difficili per i privati ​​cittadini interessati a utilizzare il materiale nelle proprie ristrutturazioni o progetti.

Che cosa è il cemento ottenuto da canapa?

Il cemento ottenuto da canapa è un materiale da costruzione biocomposito realizzato mescolando il rivestimento interno legnoso del gambo di canapa con calce, sabbia o pozzolane. Può essere trovato commercializzato con nomi come canapa-lime, canobiote, canosmose e isochanvre. Molti costruttori trovano il cemento di canapa più facile da lavorare rispetto ad altre miscele di calce poiché non è fragile come il cemento e questa è la prima di molte differenze tra i due materiali da costruzione. Il cemento da canapa ha anche solo il 5% della resistenza alla compressione del calcestruzzo residenziale e il 15% della densità del calcestruzzo tradizionale. Per questo motivo, le pareti di canapa devono essere supportate da un telaio realizzato con un materiale diverso. Ciò garantisce i vantaggi del cemento da canapa pur sostenendo un carico verticale.

Quali sono i vantaggi del cemento da canapa?

Ci sono molti vantaggi nel costruire una struttura in cemento da canapa. Il materiale da costruzione composito funge da isolante mentre regola anche l’umidità e l’umidità. La struttura porosa dei materiali e la proprietà alcalina della calce contribuiscono a questo effetto. Può anche assorbire l’umidità in eccesso dall’aria quando è umida per ridurre il rischio di formazioni di spore di muffa.

Alcuni rapporti suggeriscono anche che il cemento da canapa potrebbe essere resistente al fuoco ed è un materiale da costruzione ignifugo certificato in Francia e nel Regno Unito. Tuttavia, i test ei dati basati sul sistema metrico sono stati ampiamente ignorati negli Stati Uniti. Molti ispettori edili esitano a concedere i permessi per costruire il materiale composito in calce. Le fonti affermano anche che la canapa è resistente ai parassiti, sebbene i dati di origine per queste affermazioni non siano stati individuati.

Un vantaggio molto interessante nel costruire con il cemento ottenuto dalla canapa è quanto sia sostenibile il materiale: è carbonio-negativo. Infatti, durante la crescita della pianta, la canapa assorbirà così tanto carbonio che più CO2 viene assorbita in un muro di canapa di quanta ne viene utilizzata nell’intero processo per costruirlo. Può anche funzionare bene combinato con materiali originali per fortificare edifici storici. E con l’invecchiamento si trasformerà in roccia pietrificata, quindi nel migliore dei casi la struttura potrebbe durare centinaia di anni.

Quali sono gli svantaggi?

Ci sono alcune vere sfide da affrontare nel lavorare con il cemento da canapa. Ha circa 1/20 della resistenza del calcestruzzo e, per questo, una struttura costruita con canapa richiede un telaio di legno in acciaio o cemento per sostenere il carico della casa. Questo è un settore in cui Pamela Bosch e la sua Highland Hemp House hanno avuto problemi. La sua città di Bellingham si trova in una zona sismica impegnativa per la costruzione e il cemento da canapa non è ancora certificato ASTM (American Society for Testing and Materials) ICC (International Code Council). Per compensare, Bosch ha progettato un framework interno autonomo, una battuta d’arresto costosa.

L’avvocatessa della canapa ha dovuto finanziare lei stessa il progetto e assumersi tutte le responsabilità con la città, e gli alti costi di avvio sono molto comuni quando si costruisce una casa di canapa. Senza alcuna precedente esperienza con le strutture di canapa, le banche e le compagnie di assicurazione non sosterrebbero l’edificio di Bellingham. Anche le complicazioni dovute all’inesperienza sono comuni nel processo di progettazione e costruzione. Alcuni progetti di canapa hanno incontrato grandi complicazioni quando i costruttori hanno trattato il materiale come il cemento tradizionale. Con la frequenza con cui la canapa è stata utilizzata nei progetti di costruzione, non c’è davvero molta esperienza da cui attingere.

Dove si ottiene la canapa?

La produzione di canapa è aumentata negli Stati Uniti ma molte delle piante vengono coltivate per essere trasformate in olio di CBD. Queste piante sono generalmente più nodose e meno rubiconde, il che non è l’ideale per fare canapa. Anche se gli agricoltori si sono imbarcati nella coltivazione di diverse varietà di canapa, non esiste alcuna infrastruttura per lavorare i materiali. Per la Highland Hemp House, Bosch ha spedito dai Paesi Bassi un container di canapa da 40′, che ha raddoppiato il costo dei materiali.

Ha spiegato che nonostante il costo raddoppiato, era una piccola frazione del processo di costruzione.

«Di maggiore importanza è stato il tempo, lo sforzo e la spesa per rompere con lo status quo», ha detto Bosch. «Imprenditori, ingegneri, idraulici, elettricisti, procuratori comunali, compagnie di assicurazioni (e la DEA), generalmente dovevano essere persuasi che non sarebbe stato troppo doloroso provare qualcosa di nuovo. I più coraggiosi e più filosoficamente ispirati erano tra quelli che ho potuto contrattare, ma anche la novità generalmente ha maturato un compenso».

Alcuni esamineranno gli aspetti positivi e negativi della costruzione con il cemento ottenuto da canapa e concorderanno sul fatto che vale la pena esplorare il materiale da costruzione, ma cosa serviranno agli Stati Uniti per accettare il cemento da canapa? Più ricerca. Il progetto di Bosch chiarisce che il bias è uno dei maggiori ostacoli in progetti come l’Highland Hemp House, e la ricerca di supporto è il modo migliore per influenzare il bias. Ad architetti e ingegneri americani viene attualmente insegnato solo come lavorare con legno, cemento e acciaio. I dati supportati dalla ricerca potrebbero scuotere il curriculum e spingere menti più brillanti a capire meglio i progetti di costruzione di cemento armato.

 

USA

Giunge il tempo dell’approvazione FDA per l’utilizzo di prodotti a base di CBD

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha affermato la propria autorità nel regolamentare i prodotti derivati ​​dalla cannabis, compresa la canapa e sta quindi giocando un ruolo importante nello sviluppo dei mercati per alimenti, cosmetici e farmaci derivati ​​dalla canapa negli Stati Uniti. Questa serie esplora la funzione e la giurisdizione della FDA in quei settori, come le decisioni della FDA possono influenzare il business della canapa e come le parti interessate e i consumatori possono partecipare al processo di approvazione dei prodotti per l’uso pubblico. https://hemptoday.net/time-for-u-s-fda-to-authorize-early-use-of-cbd-products/

C’è ancora molta strada da fare prima che l’uso all’ingrosso del CBD e di altri composti derivati ​​dalla canapa sia ampiamente disponibile negli Stati Uniti senza limitazioni e dichiarazioni di non responsabilità sulla loro legalità e utilizzo in alimenti, cosmetici e farmaci. Proprio come qualsiasi altro prodotto legale negli Stati Uniti, prima che un prodotto possa essere utilizzato in alimenti, bevande o altri materiali di consumo, deve ricevere l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA). La FDA è disciplinata dal Food, Drug and Cosmetics Act e regola questi prodotti. Per ricevere l’approvazione della FDA, i prodotti vengono sottoposti a severi test di sicurezza, dosaggio corretto e uso generale. La FDA è considerata altamente scrupolosa nella sua missione, ma anche estremamente conservatrice e lenta. Ad esempio, i farmaci usati per trattare vari disturbi, incluso il cancro, sono spesso più veloci da commercializzare e utilizzare in pubblico in altri paesi rispetto agli Stati Uniti, a causa dell’approccio della FDA.

Detto questo, la FDA è molto apprezzata e prende sul serio la sua missione di sicurezza alimentare e farmaceutica. Se un prodotto è approvato dalla FDA, ci sono buone ragioni per credere che sia sicuro da usare. Per questo motivo, sarebbe ingiusto presumere che la lentezza che la FDA sta intraprendendo in merito alle approvazioni per nuovi ingeribili derivati ​​dalla canapa, sia più acuta perché il prodotto in questione è canapa o derivato dalla canapa. Detto questo, esiste già un mercato attivo dei prodotti a base di canapa negli Stati Uniti, cosa che la FDA riconosce.

Uno sguardo al passato: i Farm Bills

Il Farm Bill degli Stati Uniti del 2018 (l’Agricultural Improvement Act del 2018, Public Law 115-534), ha rimosso la canapa industriale (Cannabis Sativa L) dall’elenco delle sostanze proibite ai sensi dello U.S. Controlled Substances Act, Schedule 1 – la categoria di farmaci più rigorosa. La canapa industriale è definita come Cannabis Sativa L contenente meno dello 0,3% di delta 9 THC su base di peso secco. Se ha più di questo o ha THC che non è delta 9, allora il materiale è considerato marijuana, che rimane una sostanza proibita dalla Tabella 1 e non è legale possedere, possedere, vendere o utilizzare secondo la legge federale. Quindi è importante sapere se un prodotto derivato dalla canapa soddisfa la definizione di soglia della canapa industriale. L’uso del termine “canapa industriale” nel Farm Bill è sfortunato poiché tutta la canapa contenente lo 0,3% di delta 9 THC o meno è legale ai sensi di tale legge, indipendentemente dal fatto che venga utilizzata o meno per scopi “industriali” (si pensi a tessuti, materiali da costruzione, plastica ecc.).

Prima del Farm Bill del 2018, il Farm Bill del 2014 consentiva la coltivazione legale della canapa industriale, anche allo standard dello 0,3% di THC. La canapa era legale da coltivare in base all’autorizzazione statale per la ricerca in un’università con un programma di agricoltura di quattro anni, o per gli studi “commerciali”. Si è scoperto che quasi tutto può essere considerato ricerca commerciale e molta canapa è stata coltivata allo 0,3% di THC o meno sotto il disegno di legge del 2014 nei vari stati degli Stati Uniti che lo hanno consentito. Quindi, quando il Farm Bill del 2018 ha rimosso tutti i rimanenti ostacoli legali alla coltivazione della canapa industriale allo 0,3% di THC, c’era già una notevole esperienza di crescita a quel livello.

Quando il disegno di legge del 2018 è stato approvato, c’era molta eccitazione per il fatto che la canapa fosse ora legale negli Stati Uniti senza restrizioni sul commercio interstatale. Gran parte dell’interesse nella coltivazione della canapa negli Stati Uniti era per l’estrazione del CBD e per l’uso di quel composto in tutti i tipi di prodotti inclusi oli, pomate, gocce, cibo e bevande. La birra alla canapa sarebbe presto disponibile. Ebbene sì, ma non esattamente.

Profondamente consapevole

La FDA è profondamente consapevole del fiorente mercato del CBD, avendo affermato: «C’è un interesse significativo nello sviluppo di terapie e altri prodotti di consumo derivati ​​dalla cannabis e dai suoi componenti, incluso il cannabidiolo (CBD). La FDA riconosce le potenziali opportunità che la cannabis o i composti derivati ​​dalla cannabis possono offrire e riconosce il significativo interesse per queste possibilità».

Ma l’approccio conservativo e cautelativo dell’agenzia è piuttosto tipico: «Tuttavia, la FDA è consapevole del fatto che alcune aziende stanno commercializzando prodotti contenenti cannabis e composti derivati ​​dalla cannabis in modi che violano il Federal Food, Drug and Cosmetics Act (FD&C) Act e possono mettere la salute e la sicurezza dei consumatori a rischio. L’agenzia si impegna a proteggere la salute pubblica, adottando anche misure per migliorare l’efficienza dei percorsi normativi per la commercializzazione legale di cannabis appropriata e prodotti derivati ​​dalla cannabis».

La FDA si riferisce alla cannabis, non distinguendo la canapa in questa dichiarazione, ma presumiamo che si riferisca alla canapa industriale poiché qualsiasi altra forma di cannabis è ancora elencata nella Tabella 1 e quindi al di fuori della giurisdizione di studio della FDA.

Vengono sollevate preoccupazioni

I prodotti derivati ​​dalla canapa sono in uso attivo e lo sono da molto tempo; c’è una pletora di prodotti CBD disponibili sul mercato e online. In genere, questi prodotti includono le dichiarazioni di non responsabilità standard che non sono stati approvati dalla FDA e non sono destinati a trattare, prevenire o curare alcuna malattia. Anche in questo caso, è necessario prestare attenzione e aumentare la vendita e la distribuzione di questi prodotti e chiunque ci pensi dovrebbe consultare un avvocato. Alcuni si sono allontanati da tale limitazione dichiarata e hanno riscontrato azioni di applicazione della FDA per cessare e desistere da ulteriori vendite. Possono anche essere multati e i loro prodotti possono essere confiscati.

Di quelli che vengono commercializzati correttamente, la FDA ha affermato: «I nostri sforzi hanno prodotto informazioni utili e sollevato preoccupazioni sulle caratteristiche dei prodotti CBD attualmente in commercio, incluso se il contenuto effettivo di CBD in questi prodotti corrisponda al contenuto descritto in questi l’etichettatura dei prodotti e se questi prodotti contenessero altri cannabinoidi (come il delta-9 tetraidrocannabinolo ((THC)) o contaminanti (come metalli pesanti e pesticidi))».

La FDA ritiene che la comprensione delle caratteristiche dei prodotti CBD commercializzati sia fondamentale per prendere decisioni informate su come proteggere al meglio la salute pubblica sul mercato. Pertanto, la FDA ha intrapreso i propri test sui prodotti CBD per comprendere meglio i contenuti e le caratteristiche dei prodotti CBD attualmente commercializzati.

Ruolo nell’approvazione dei farmaci

Il ruolo della FDA nella regolamentazione delle droghe, inclusi cannabis e prodotti derivati ​​dalla cannabis, include anche la revisione delle applicazioni per commercializzare farmaci per determinare se sono sicuri ed efficaci per le indicazioni previste. Il processo di approvazione dei farmaci della FDA richiede che gli studi clinici siano progettati e condotti in modo da fornire all’agenzia i dati scientifici necessari su cui la FDA può prendere le sue decisioni di approvazione.

Senza questa revisione, la FDA non può determinare se un prodotto farmaceutico è sicuro ed efficace. Inoltre, non può garantire che un prodotto farmaceutico soddisfi adeguati standard di qualità. Per alcuni farmaci che non sono stati approvati dalla FDA, la mancanza di approvazione e supervisione della FDA significa sicurezza, efficacia e qualità del farmaco, incluso quanto sia potente, quanto sia puro e se l’etichettatura sia accurata o falsa – può variare notevolmente.

Ai sensi del Food, Drug and Cosmetics Act, i prodotti destinati a curare una malattia o quelli che hanno un uso medico sono considerati farmaci. Solo un farmaco con CBD, Epidiolex, è stato approvato dalla FDA per uso umano e questo è solo per il trattamento di forme rare e gravi di epilessia. Secondo la FDA «Ci sono informazioni molto limitate per altri prodotti CBD commercializzati, che probabilmente differiscono nella composizione dal prodotto approvato dalla FDA e non sono stati valutati per potenziali effetti negativi sul corpo».

Preoccupazioni del marketing

La FDA è anche preoccupata per i prodotti CBD commercializzati per neonati e bambini, e osserva che potrebbero essere maggiormente a rischio di reazioni avverse a causa delle differenze nella capacità di assorbire, metabolizzare, distribuire o eliminare una sostanza come il CBD.

Da notare, la FDA ha dichiarato:

• Alcuni dei prodotti sono alimenti a cui è stato aggiunto CBD. Ai sensi della legge FD&C, è illegale introdurre nel commercio interstatale qualsiasi alimento umano o animale a cui siano stati aggiunti determinati ingredienti, come il CBD.

• Alcuni prodotti sono commercializzati come integratori alimentari. Tuttavia, i prodotti CBD non possono essere integratori alimentari perché non soddisfano la definizione di integratore alimentare ai sensi della legge FD&C.

• L’agenzia rimane preoccupata per la sicurezza dei prodotti alimentari umani (ad esempio carne, latte e uova) da animali che consumano CBD, poiché mancano dati che stabiliscano livelli sicuri di residui di CBD.

Il tempo per l’approvazione è adesso

Con l’approvazione del Farm Bill 2018, la canapa industriale è legale. Tuttavia, è la FDA che determina come può essere utilizzato, quanto, quanto spesso e in quali forme. Questo processo può richiedere del tempo; ma finora, i composti derivati ​​dalla canapa sono su un percorso tipico attraverso la FDA.

Per far avanzare il mercato, si potrebbe consigliare alla FDA di allentare il suo approccio ad anni di ricerca per l’approvazione del prodotto. È possibile. Ad esempio, la FDA ha approvato una pletora di nuovi prodotti e dispositivi da utilizzare per combattere, testare e prevenire COVID 19, con le sue autorizzazioni per l’uso di emergenza per dispositivi medici, maschere e kit di test. È tempo che la FDA autorizzi l’uso precoce del CBD e di altri prodotti derivati ​​dalla canapa, anche se solo su base temporanea e soggetti a ulteriori studi.


Polonia

Uno zoo sta testando il CBD per mitigare l’ansia negli elefanti

Quando Erna, un elefante di 35 anni e leader di branco, è morta allo zoo di Varsavia, in Polonia, lo scorso marzo, il triste evento ha messo sotto stress Fredzia e Buba, due elefanti da compagnia, hanno notato i guardiani dello zoo. Ora, in un progetto con la società polacca di canapa DobreKonopie.pl, lo zoo sta somministrando CBD agli animali per aiutarli a superare la transizione della vita.

«Dopo la perdita del leader della mandria, Fredzia e Buba stanno attraversando un periodo molto difficile connesso alla creazione di una nuova gerarchia, che è ancora più difficile in quanto formano solo un gruppo di due», ha detto Patryk Pyciński, un guardiano dello zoo che tende a gli animali.

A loro piace?

«Possono volerci mesi o addirittura anni prima che gli elefanti affrontino un cambiamento così grande. Stiamo cercando di aiutarli a tornare al loro equilibrio psicofisico», ha detto Pyciński del trattamento sperimentale. L’olio di CBD viene aggiunto al cibo degli animali, sebbene i guardiani dello zoo stiano anche tentando di somministrare l’olio direttamente nella bocca degli animali per un assorbimento più rapido. L’accettazione del CBD da parte degli elefanti dipende dal fatto che apprezzano l’odore e il gusto, ha detto a Polsat News Agnieszka Czujkowska, veterinaria e capo del dipartimento di riabilitazione degli animali dello zoo. I primi test sono positivi, ha detto.

Rinoceronti e orsi

Gli elefanti sono stati scelti per le prime prove perché inclini allo stress ma anche facili da monitorare da parte di custodi che hanno familiarità con il loro comportamento e le loro posizioni in un gruppo. I funzionari dello zoo affermano che il risultato delle prove con gli elefanti potrebbe portare a un uso più ampio del CBD tra animali come rinoceronti e orsi. DobreKonopie.pl, che fornisce il CBD allo zoo, vende già olio di CBD da utilizzare con altri animali. L’azienda ha detto che i suoi prodotti sono stati dati, ad esempio, ai cavalli per aiutare a ridurre il dolore e il gonfiore, affrontando anche l’ansia.

 

Stati Uniti

Il secondo senatore statunitense chiede all’USDA di rimandare la implementazione della Farm Bill

Il senatore Cory Gardner del Colorado è il secondo legislatore statunitense a chiedere al Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) di ritardare l’attuazione della Farm Bill 2018 fino al 2022.

In una lettera al Segretario dell’Agricoltura degli Stati Uniti Sonny Perdue, Gardner ha affermato che la normativa IFR (Domestic Hemp Production Programme Interim Final Rule) degli Stati Uniti nel Farm Bill, «come attualmente redatta, minaccia il potenziale dell’industria della canapa industriale per gli agricoltori del Colorado e mina gravemente questa industria in crescita».

“Lasciate che l’industria progredisca”

«Vi incoraggio a ritardare l’implementazione finale dell’IFR e lavorare direttamente con i regolatori statali e l’industria per garantire regole attuabili che consentano al settore di prosperare», ha scritto Gardner nella lettera. Il senatore di New York Charles Schumer all’inizio di questo mese ha anche chiesto l’attuazione ritardata del Farm Bill, sottolineando che risparmierebbe denaro per agricoltori e produttori in un momento in cui sono sotto stress finanziario a causa dell’attuale crisi economica causata da COVID-19.

«Gli Stati Uniti sono ora pronti a passare dall’essere un importatore di canapa leader a livello mondiale a un produttore di canapa leader a livello mondiale, e molti guardano agli agricoltori del Colorado come guida e chiarezza per l’industria perché il Colorado è la patria di uno degli stati più longevi programmi di canapa», ha scritto Gardner a Perdue.

Cercando l’equilibrio

Il Colorado ha circa 2.600 registrazioni di canapa attive e gli agricoltori statali hanno coltivato quasi 90.000 acri (circa 36.000 ettari) di canapa l’anno scorso. «Gli agricoltori del Colorado sono stati in prima linea nell’industria della canapa, guidando il cambiamento e l’innovazione in tutto il Paese», ha detto Gardner. «Lo Stato bilancia attentamente la supervisione normativa e il sostegno economico, consentendogli di avere un’industria fiorente e di essere un leader per altri Stati».

Anche l’Associazione Nazionale dei Dipartimenti Statali dell’Agricoltura e il Consiglio Nazionale della Canapa Industriale hanno chiesto un ritardo nell’attuazione della Farm Bill. Se dovesse essere ritardato, i coltivatori e i produttori di canapa potrebbero continuare a operare nell’ambito del programma pilota 2014 della Farm Bill. Ciò consentirebbe loro di evitare quelli che l’USDA stima come $17.000 (€14.500) in costi di conformità associati alle nuove regole.

 

Stati Uniti

Procedimento intentato dallo Sceriffo sfida il Nebraska sulla Medical Cannabis Initiative

Lo sceriffo Terry Wagner della contea di Lancaster ha intentato una causa venerdì scorso per contestare l’iniziativa degli elettori sulla cannabis medica del Nebraska. Gli organizzatori dell’iniziativa affermano che combatteranno e supereranno la sfida.

Lo Sceriffo della contea di Lancaster Terry Wagner venerdì scorso ha presentato una sfida contro l’iniziativa degli elettori della cannabis medica del Nebraska, come riferisce l’Associated Press. La causa, che sarà ascoltata dalla Corte Suprema dello Stato, sostiene che la misura pone due domande separate – se consentire o meno alle persone di usare cannabis medica e se le società private dovrebbero essere in grado di coltivarla e, quindi, viola le regole statali.

La causa è stata intentata il giorno dopo che il Segretario di Stato Bob Evnen ha approvato le firme raccolte da Nebraskans for Medical Marijuana per sottoporre la questione agli elettori a novembre.

In una e-mail ai sostenitori, la campagna di legalizzazione – guidata dai senatori dello Stato democratico Anna Wishart e Adam Morfeld – ha detto che «non hanno altra scelta che combattere questo in tribunale» e hanno «riunito un team esperto di avvocati» per aiutare a combattere la sfida.

Evnen, un repubblicano, aveva respinto la discussione di due questioni la scorsa settimana prima di convalidare i requisiti di firma della campagna. Nella sua lettera di determinazione, Evnen ha affermato che «la produzione e la vendita di cannabis medica ha un collegamento naturale e necessario alla legalizzazione della cannabis medica per uso individuale» e che le società private «hanno il diritto di produrre, vendere e distribuire i farmaci».

«È inerente alla legalizzazione della cannabis medica che a qualcuno oppure a una certa categoria di persone debba essere concesso il diritto o l’autorità di produrre, vendere e distribuire la cannabis medica. È possibile che ad alcuni elettori non piacciano tutti i dettagli forniti per l’emendamento relativo alla legalizzazione della cannabis nello stato. Questi elettori potranno esprimere la loro antipatia nelle urne, tuttavia, la possibilità di altre scelte di polizia non crea di per sé un duplice scopo», così riporta Evnen, Medical Cannabis Initiative Determination, lo scorso 27 agosto 2020.

Nella lettera, Evnen ha notato che la sfida è arrivata all'”undicesima ora” poiché l’iniziativa deve essere approvata – e non in un limbo legale – entro l’11 settembre per qualificarsi per le elezioni generali.

La campagna di legalizzazione ha affermato che avrebbero superato la sfida. «Il buon senso, la compassione e la legge sono dalla nostra parte“, hanno detto.

La nuova frontiera dell’edilizia biocompatibile: il cemento ottenuto con fibre di canapa Rassegna stampa della canapa nelle testate estere dal 31 Agosto al 4 Settembre 2020">