Politica Esteri

La canapa nella legge degli Stati Uniti d’America Le Leggi della canapa/1 - Evoluzione e portata, nell’ordinamento federale e nei singoli Stati, delle normative in materia di canapa industriale, cannabis e marijuana

Posizione Paese

Graduatoria: Incrociando i dati dell’European Industrial Hemp Association (EHIA) con quelli offerti da Hemp Consult (società di consulenza ed expertise in materia di cannabis e mercati) e da una recente indagine condotta dall’Università di Lexington (Kentucky), per quantità di canapa coltivata gli USA stanno dietro a: Cina, Canada, Corea del Nord, Paesi dell’UE considerati nel loro insieme. L’espansione in atto di un mercato che soffre ancora di un forte import di sementi e prodotti derivati dipenderà anche dal futuro varo dell’Hemp Farming Act.
Per la cannabis ‘ludica’, legalizzata in 8 Stati, il discorso cambia: il mercato statunitense sta vivendo un ‘boom’ di investimenti e fatturato per centinaia di milioni di dollari, senza precedenti a livello globale.

Ettari coltivati a canapa:  Sono 15 gli Stati in cui la coltivazione è avviata. La tendenza è in aumento con l’adozione delle nuove iniziative nazionali sulla canapicoltura: 9.446 ha in 19 Stati al 2017, secondo l’organizzazione no-profit Vote Hemp (oltre il doppio dell’anno precedente, a 3 anni dall’adozione del Farm Bill). Per fare un paragone, incrociando diverse fonti di indagine, nel 2015 (dati offerti da: Dipartimento dell’Agricoltura del Colorado, Hemp Industries Association, ‘Hemp Business Journal’ e altre fonti di ricerca aggregate), si stimavano 5260 ha.
Il ‘Marijuana Business Daily’ riporta che, rispetto alle licenze ottenute nei 10 Stati più produttivi, la National Conference of State Legislatures (NCSL: ong che promuove l’indipendenza di scelte, strumenti e strategie dell’attività legislativa nei rispettivi Stati) dichiara cifre più alte: l’area autorizzata per la coltivazione di canapa, dal 2016 al 2017, sarebbe più che raddoppiata, passando da 6.627 a 15.861 ha.

 

Giro di affari

Commercio canapa industriale e derivati (settori edile, tessile, alimentare, erboristica, personal care): 688 milioni di dollari nel 2016, secondo Vote Hemp. Per la Hemp Industries Association (HIA), 573 milioni nel 2015. Media annua stimata dalla HIA: 600 milioni.

Commercio cannabis: quasi 8 miliardi di dollari (2,65 per la cannabis ricreativa e 5,32 per l’uso medico) nel 2017 secondo Statista, portale di ricerca sui dati di mercato che, per il 2025, stima un’impennata fatturato di oltre 24 miliardi (rispettivamente, tra uso ricreativo e medico: 10,86 e 13,22).

1 2 3 4
La canapa nella legge degli Stati Uniti d’America Le Leggi della canapa/1 - Evoluzione e portata, nell’ordinamento federale e nei singoli Stati, delle normative in materia di canapa industriale, cannabis e marijuana">